08 gen 2009

Riassunto di inizio anno

Dal congresso nazionale di dicembre è emersa la necessità di dare maggiore ascolto alla voce delle più giovani, chiedendosi quali sono le richieste a cui oggi dobbiamo rispondere, trovando nuovi strumenti per rinnovarsi e continuare ad essere un'associazione che promuove cambiamento positivo, visibilità, autodeterminazione, senza però mai dimenticare da dove si viene. Partendo dalla storia, da chi ha lavorato per la crescita di Arcilesbica, fino alla necessità di incontrare il resto del movimento lgtq, con le varie e molteplici identità, con cui trovarsi per costruire obiettivi comuni nel rispetto delle differenze.
La possibilità di confederazione sarà infatti presa in considerazione, discutendone poi lo statuto e i termini, per fare in modo che ogni associazione che ne farà parte potrà sempre restare libera ed incondizionata nelle scelte politiche che verranno.
Questo affinchè anche in Italia il movimento lgtq, possa avere una voce forte con cui politica ed istituzioni non potranno più esimersi dal confronto.
Si è deciso che chi avrà un incarico in un partito politico, non potrà avere incarichi in Arcilesbica per evitare che i voti di persone iscritte all'associazione possano essere strumentalizzati , o che si usi l'associazione per fare carriera politica.
Si è detto molto altro, ne abbiamo già discusso in sede, e ne parleremo ancora se potrà essere utile. Quello che è certamente emerso dal congresso, è la voglia di molte (anche giovani) donne lesbiche di continuare a darsi da fare per poter dare modo a tutte, di vivere liberamente la nostra affettività in questo paese.

Nessun commento:

Posta un commento